Nella miriade di foto fatte, quelle giusta la riconosci al momento dello scatto??

Torno a casa di fretta, accendo il pc e riguardo le centinaia di foto scattate durante la giornata;
ma già so quella che sto andando a cercare.”
Tra i numerosissimi scatti della medesima situazione che oggi un fotografo professionista ha la possibilità di effettuare, ne rimane uno, quello buono, riconoscibile fin dal principio.
Osservo la situazione, mi intriga, incuriosisce, mi avvicino. Cerco la prospettiva giusta, cerco di farmi conoscere, capire: desidero esserci, senza disturbare la scena. Inizio a scattare, cambio angolazione, punto di vista; aspetto, mi piego sulle ginocchia, mi sposto verso sinistra.
Cerco il momento in cui i differenti fattori che hanno attirato la mia attenzione si mescolano insieme, immagino proprio ciò che accadrà nell’instante successivo, in modo che la composizione risulti armonica.
Continuo a scattare perché non voglio perdere quell’attimo. E poi mi fermo, ho sentito come un brivido: mente, cuore e macchina fotografica allineati, perfettamente posti sulla stessa frequenza.
Guardo lo schermo della Leica, l’immagine è ridotta, non nitida, non riesco a cogliere tutti i particolari che hanno ispirato la mia foto, Ma è la mia foto, quella che avevo immaginato. Proprio quella che, tra centinaia di immagini simili, avevo desiderato di scattare.
“Fotografare è riconoscere nello stesso istante e in una frazione di secondo un evento e il rigoroso assetto delle forme percepite con lo sguardo che esprimono e significano tale evento. È porre sulla stessa linea di mira la mente, gli occhi e il cuore. È un modo di vivere.”
Mai affermazione di Henri Cartier Bresson fu più vera per me:

molto spesso quando sono in viaggio percorro tanti chilometri a piedi e scatto moltissime foto ma, tra le tante situazioni che vedo e le numerose foto che faccio, quella che secondo me è una buona foto la riconosco subito grazie anche al feeling che mi lega alla mia Leica M, all’utilizzo del telemetro, al poter capire quello che accadrà nel fotogramma grazie alle cornici, alla velocità del buffer che mi permette di scattare molte foto in sequenza.

Share

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close